ARCHIVIO NAVI DA GUERRA

Click per ingrandire

1217 C.

CHARLEMAGNE
1895
Click per ingrandire

Epoca della foto: anno 1903 Foto: Edizioni Artaud et Nozais, Nantes

Origine: Archivio

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome Charlemagne
Tipo nave corazzata di squadra di 1¬ classe
Classe Charlemagne
UnitÓ Charlemagne
Gaulois
Saint Louis
Cantiere Arsenale di Brest
Impostazione 14 luglio 1894
Varo 17 ottobre 1895
Completamento n.d.
Servizio 1░ dicembre 1899
Dislocamento normale 11.100 tonn.
Dimensioni lunghezza f.t. 117,51 m.
lunghezza p.p. 114,00 m.
larghezza 20,24 m.
immersione 8,38 m.
Motore 3 motrici alternative a 4 cilindri verticali a triplice espansione
20 caldaie Belleville
potenza 15.000 ihp
3 eliche
VelocitÓ 18,5 nodi
Autonomia 7.030 miglia a 10 nodi
Combustibile carbone 1.080 tonn.
Protezione acciaio al nickel Harvey del peso di 3.734 tonn.
cintura da 150 a 400 mm.
ponte 90 mm.
torri da 230 a 270 mm.
torrione 320 mm.
casematte 76 mm.
barbette 200 mm.
Armamento 2 pezzi binati M1896 M1893 da 305 mm. / canna 40 calibri
10 pezzi singoli a tiro rapido 1893 da 140 mm. / canna 45 calibri
8 pezzi singoli 1891 da 100 mm . / canna 45 calibri
20 pezzi singoli da 47 mm. / canna da 43 calibri
4 pezzi singoli a tiro rapido da 37 mm. / canna 23 calibri
4 tubi lanciasiluri da 450 mm. (i 2 prodieri in seguito vennero rimossi)
Equipaggio permanente effettivo 694
di complemento 2.082
Disarmo 1918
Radiazione 1919
Destino demolita nel giugno 1920 in Francia
Note tecniche Questa classe era molto omogenea e dalle buone prestazioni. Rappresentava le caratteristiche dei vascelli francesi della sua epoca, con la sovrastruttura molto alta sul ponte, facile bersaglio dell'artiglieria nemica.
La Charlemagne fu la prima unitÓ francese a montare i pezzi principali in batteria, anche se questo vantaggio veniva in parte attenuato dal dislocamento e dalla larghezza dello scafo, insufficienti all'uso ottimale dei pezzi.
Note storiche Il 1░ marzo 1903 in  Mediterraneo la Charlemagne ebbe una collisione senza gravi conseguenze con la Gaulois.
Tutti i tre vascelli di questa classe nell'agosto del 1914 facevano parte della 1¬ Divisione inviata a proteggere il passaggio delle truppe dell'Armata d'Africa in Francia.
La Charlemagne e la Gaulois furono in seguito incorporate nella Divisione dell'Ammiraglio GuÚpratte davanti ai Dardanelli e presero parte al bombardamento del litorale turco.
Il 18 marzo 1915 la Gaulois venne danneggiata gravemente da una mina ed and˛ ad arenarsi sulla spiaggia di Drapano per evitare l'affondamento.
Venne riparata e rimessa in mare, ma il 27 dicembre 1916 venne affondata dai siluri del sommergibile tedesco U-47 nello Jonio ad est dell'isola di Cythera (Kythira). Fu decorata della Croce di Guerra.
Dal 29 novembre 1914 al 1░ aprile 1915 la Charlemagne rimase di stanza nei Dardanelli.
Dopo un intervallo per i lavori effettuati a Biserta, ritorna ai Dardanelli dal 14 maggio 1915 al 10 ottobre 1915.
Di stanza a Salonicco dall'11 ottobre 1915 al 16 maggio 1916 e dal 5 agosto 1916 al 14 luglio 1917.
Nel 1918 ritorna a Biserta.
Nel settembre 1919 a Tolone viene disarmata e nel giugno 1920 Ŕ avviata alla demolizione.
Didascalia La Charlemagne alla fonda in una cartolina dell'epoca.
Foto Altre immagini della Charlemagne alle schede 1218C, 1219C, 1220C.

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA