ARCHIVIO NAVI DA GUERRA

Click per ingrandire 2721 C.

BELLONA
1842
Click per ingrandire

Epoca della foto: anno 1875 Fotografo: sconosciuto

Origine: H. Sokol, Guerra Marittima Austria-Ungheria, L.E.G., Gorizia

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome Bellona
Tipo fregata da 44 cannoni
Classe Bellona
UnitÓ Bellona
Cantiere Arsenale di Venezia
Impostazione 28 aprile 1840
Varo 21 aprile 1842
Completamento 24 maggio 1842
Servizio 2 giugno 1842
Dislocamento normale 1.260 tonn.
pieno carico 1.610 tonn.
Dimensioni lunghezza f.t. 47,70 m.
lunghezza p.p. 46,40 m.
larghezza 12,57 m.
immersione 6,00 m.
Motore //
VelocitÓ nd
Autonomia nd
Combustibile //
Protezione //
Armamento 1842: 26 pezzi singoli con palla da da 18 libbre
          2 pezzi singoli Paixan con palla da 60 libbre
          20 carronate con palla da 24 libbre
          2 carronate con palla da 12 libbre
1845: 32 pezzi singoli con palla da 18 libbre
          14 carronate con palla da 24 libbre
1854: 2 pezzi singoli Paixan con palla da 60 libbre
          30 pezzi singoli con palla da 18 libbre
          18 carronate con palla da 24 libbre
          1 pezzo con palla da 6 libbre
          2 pezzi singoli con palla da 4 libbre
1859: 4 pezzi singoli Paixan con palla da 60 libbre
          30 pezzi singoli con palla da 30 libbre
1866: 4 pezzi singoli Paixan con palla da 60 libbre
          35 pezzi singoli con palla da 30 libbre
1876: 12 pezzi singoli cal. 150 mm. su affusto in legno
          100 carabine
          10 revolver
           80 sciabole
Equipaggio 373 uomini: 1 Capitano, 6 Ufficiali, 1 Scrivano, 8 Cadetti, 3 Chirurghi, 1 Cappellano, 353 tra sottufficiali e comuni.
dal 1877: 98 marinai + 300 Allievi di Marina
Disarmo 13 febbraio 1868
Radiazione 1░ gennaio 1902
Destino demolita 1902-1903
Note tecniche Piani di Giacomo Coccon.
Aveva 14 portelli per fiancata, corrispondenti a 28 cannoni sul ponte.
Le carronate e gli altri pezzi erano sistemati in coperta.
Note storiche Entrata in servizio il 2 giugno 1842, il giorno 8 salpava da Venezia per una missione di rappresentanza in Inghilterra al comando dell'Arciduca Federico.
Il 30 giugno scalo a Trieste, il 27 luglio ad Algeri, dal 7 al 14 agosto a Gibilterra, il 9 settembre arrivo a Plymouth.
Il 1░ gennaio 1843 salpava da Spithead gettando l'ancora a Trieste il 22.
Per tutto il 1843 fece missioni in Mediterraneo e nel Levante.
Ancorata nel porto di Smirne dal 27 marzo 1844, il 21 aprile il baronetto Attilio Bandiera (figlio dell'Ammiraglio di Squadra Barone Franz von Bandiera) Ufficiale imbarcato sulla nave con il grado di Alfiere di Marina,  disert˛ dal bordo fuggendo a Corf¨ con una barca da pesca per riunirsi con il fratello barone Emilio.
Ambedue membri della Giovane Italia, il 16 giugno seguente durante un tentativo di sommossa vennero catturati presso Crotone dalle truppe di Re Ferdinando II di Borbone e fucilati il 25 luglio.
La fregata Bellona per i due anni seguenti continu˛ le consuete missioni diplomatiche ed al servizio della flotta nel Mediterraneo.
Nel gennaio 1847 venne assegnata alla Divisione Adriatica di stanza nella base navale di Pola.
Il 29 marzo 1848 un tentativo del Governo Provvisorio Veneziano di impadronirsi della nave fallý e 151 membri veneti dell'equipaggio per precauzione vennero sbarcati e sostituiti con altrettanti di nazionalitÓ croata e serba.
Il 29 aprile l'unitÓ venne portata a rimorchio dell'avviso a ruote SMS Vulkan davanti a Venezia per rinforzare il blocco navale tra Chioggia e la foce del Piave.
In quel servizio il 7 maggio, levatosi un forte vento di bora, l'unitÓ and˛ ad arenarsi nel Po di Maestra da dove venne liberata dal piroscafo Imperatore del Lloyd Austriaco.
Il 21 maggio si approntava ad ingaggiare la flotta napoletana davanti a Venezia quando questa si ritir˛.
Il Governo Imperiale, proclamato il blocco di Trieste, ordin˛ alla nave di recarsi colÓ. Il 12 settembre, mentre si approntava a raggiungere la localitÓ, sopraggiunse forte burrasca. L'unitÓ ebbe danni all'alberatura e dovette riparare nella Baia di Pirano dove fece i lavori urgenti.
Il 9 aprile 1849 si trovava nuovamente a Pirano bloccata dalla flotta sarda che per˛ rimase alla distanza di sicurezza doppia rispetto alla gittata dei cannoni della SMS Bellona.
Le unitÓ sarde abbandonarono per˛ presto quelle acque per pi¨ urgenti missioni e la fregata ormai libera, non essendo pi¨ necessario il blocco di Trieste, ricevette ordine di proseguire con il blocco di Venezia e su di essa vi si insedi˛ il Comando del Blocco Navale.
Il 10 agosto respinse un tentativo di cattura da parte dei Veneziani ed a fine mese venne portata in cantiere a Trieste per i lavori rimanendo in disarmo per molto tempo.
Negli anni seguenti fece servizio di flotta alternandolo con missioni in Mediterraneo e, a partire dal 1861, con crociere di istruzione per gli Allievi di Marina.
Il 13 febbraio 1868, dopo 26 anni, venne radiata dal servizio attivo.
Immessa dapprima nella riserva, finý poi abbandonata attraccata al molo dell'Isola degli Ulivi dove giacque per ben 34 anni.
Il 1░ gennaio 1902 venne definitivamente cancellata dai Registri Navali ed infine fu demolita tra il 1902 ed il 1903.
Didascalia  
Foto  

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA