ARCHIVIO NAVI DA GUERRA


 

Click per ingrandire

4089 C.
102 S
TORPEDINIERA
1887

Click per ingrandire

Epoca: anno 1890 c Fotografo: sconosciuto

Origine: Collezione Giorgio Parodi

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome 102 S
Tipo torpediniera d'alto mare tipo Schichau da 79t
Classe S
UnitÓ 19 costruite da Schichau
18 costruite da Ansaldo di Sampierdarena
16 costruite da Pattison di Napoli
12 costruite da Cravero di Genova
26 costruite da Odero di Sestri
Cantiere Schichau, Elbing, Danzica, Germania
Impostazione 1886
Varo 1887
Completamento 1887
Servizio 5 luglio 1887
Dislocamento normale 79 t
pieno carico 96 t
Dimensioni lunghezza pp 39,00 m
larghezza 4,80 m
immersione media 1,00 m
Propulsione 1 motrice alternativa verticale a triplice espansione
1 caldaia tipo locomotiva
potenza 1000 hp
1 elica tripala in bronzo ě 1,78 m
VelocitÓ max 20 nodi
Autonomia 1000 miglia a 10 nodi
300 miglia a 15 nodi
Combustibile carbone 17 t
dal 1890 da carbone a nafta
Protezione leggera
Armamento 2 cannoni revolver Nordenfelt o Hotchkhiss da 37 mm
2 tubi lanciasiluri tipo 1887 da 356 mm
Equipaggio 17 (2 ufficiali, 15 sottufficiali e comuni)
Disarmo 22 marzo 1923
Radiazione 22 marzo 1923
Destino demolita 1923
Note tecniche Scafo in acciaio zincato dalle forme slanciate ed idrodinamiche. UnitÓ molto veloce, unita ad un'ottima manovrabilitÓ dovuta anche al doppio timone prodiero estraibile. La stabilitÓ era eccezionale: poteva sopportare uno sbandamento fino ad 80░, che avrebbe rovesciato qualunque altre nave.
Tuttavia la forma affinata della prua, in caso di mare grosso, si infilava nelle onde che spazzavano l'intera coperta dell'unitÓ con possibili danni alle dotazioni esterne ed alle infiltrazioni d'acqua sottocoperta.
Note storiche Unitamente alla 101 partý da Elbing il 14 giugno 1887 giungendo a Spezia il 30.
Il 1░ settembre fu assegnata al 1░ Gruppo Torpediniere in disponibilitÓ ed il 14 novembre servý per le esercitazioni degli allievi macchinisti.
Il 7 dicembre 1887 venne rinominata 102 S.
L'11 febbraio 1888 fu assegnata alla 3¬ Squadriglia Torpediniere, la quale il 6 marzo fu aggregata alla Squadra Permanente.
Il 16 aprile pass˛ alla 1¬ Divisione operante nel Tirreno e, dal settembre nel Levante, scali Smirne, il Pireo, Chio, Patrasso, Corf¨.
Rientrata a Napoli venne assegnata alla 1¬ Squadriglia.
Il 21 gennaio 1889 pass˛ in riserva a Spezia.
Riarmata l'11 dicembre 1890, prest˛ servizio sino al 6 giugno 1892 quando and˛ in riserva a Napoli.
Il 26 settembre 1893 fu trasferita alla Squadriglia di Gaeta. Dal 18 gennaio al 24 ottobre 1894 pass˛ alla 4¬ Squadriglia di riserva, per essere trasferita il 6 giugno 1895 alla 2¬ Squadriglia di riserva.
Il 16 settembre venne riarmata ed assegnata alla 1¬ Squadriglia operativa. Il 13 ottobre 1896 la torpediniera pass˛ in riserva a Napoli.
Il 20 maggio 1897 fu trasferita alla 2¬ Squadriglia di Taranto.
Nel giugno 1898 in armamento ridotto fu trasferita alla Squadriglia di Genova. Nel 1899 venne assegnata al Servizio Semafori lungo le coste toscane e sarde.
Il 28 luglio 1900 fu inviata di servizio a Civitavecchia, per tornare a Spezia nella primavera del 1901. Nell'aprile 1902 fece servizio di ispezione ai fari del Tirreno.
Il 4 novembre 1902 torn˛ a Genova dove, il 13 maggio 1904, pass˛ alle dipendenze del Comando in capo del 1░ Dipartimento.
Nel luglio 1904 fu trasferita a Spezia, dove rimase in disarmo fino al giugno 1905. Riarmata, dal 15 settembre fu assegnata alla Forza Navale del Mediterraneo per le manovre. In ottobre rientr˛ a Civitavecchia e posta in armamento ridotto.
Il 24 febbraio 1906, insieme alla 70S, effettu˛ il salvataggio del p.fo Cerea rimorchiandolo a Genova, dopo che i rimorchiatori dovettero mollare le cime per il cattivo tempo.
Il 17 agosto 1906 pass˛ a Venezia operando in Adriatico fino al 22 aprile 1911 quando pass˛ alla Maddalena. I mesi di giugno e luglio 1911 li pass˛ a Cagliari alle dipendenze del Ministero dei Lavori Pubblici per l'assistenza alla realizzazione di opere portuali.
Dal 9 ottobre 1911 al 9 marzo 1912 pass˛ alla Squadriglia di Spezia e dal 25 marzo alla Divisione Navi Scuola delle Forze navali riunite, con crociere in Mediterraneo, rientrando a Spezia il 3 maggio. In luglio fu ad Anzio per prove di tiro antiaeree.
Nel 1913 venne assegnata alla 12¬ Squadriglia di Spezia. Dal 1░ novembre 1913 al 2 agosto 1914 riassegnata alla Divisione navi scuola, navigando in prevalenza in acque sarde.
Il 12 agosto 1914 a Taranto per operazioni di dragaggio mine, dal 23 maggio al novembre 1915 servý come pilota e rifornimenti alle batterie costiere.
Il 21 novembre 1915 fu declassata a barca armata continuando il servizio di pilotaggio, rifornimenti e dragamine nelle acque di Taranto.
Il 22 marzo 1923 venne radiata e successivamente demolita.
Crediti: Le note della maggior parte delle schede delle torpediniere italiane sono estratte da: Torpediniere Italiane (1875-1917), Valerio Gay,  U.S.M.M. -  Roma, 2008
Didascalia  
Foto  

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA