ARCHIVIO NAVI DA GUERRA


 

Click per ingrandire

4095 C.
SPARVIERO

TORPEDINIERA
1888

Click per ingrandire

Epoca: 29 maggio 1895 Fotografo: sconosciuto

Origine: Collezione Bargoni

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome Sparviero (3¬)
Tipo torpediniera avviso
Classe Aquila
UnitÓ Aquila (3¬)
Avvoltoio (2¬)
Falco (2¬)
Nibbio (2¬)
Sparviero (3¬)
Cantiere Schichau di Elbing, Danzica, Germania
Impostazione 5 febbraio 1888
Varo 22 aprile 1888
Completamento 1888
Servizio 6 agosto 1888
Dislocamento a pieno carico 168,57 t
Dimensioni lunghezza ft 47,62 m
lunghezza pp 46,50 m
larghezza ft 5,11 m
immersione media 1,30 m
immersione poppa 2,20 m
Propulsione 2 motrici alternative verticali Schichau a triplice espansione
2 caldaie Schichau tipo locomotiva
potenza 2.200 hp
2 eliche tipo Schichau ě 1,79 m
VelocitÓ max 23,5 nodi
Autonomia 1900 miglia a 10 nodi
935 miglia a 17 nodi
Combustibile carbone 34 t + 4
Protezione leggera
Armamento 2 cannoni Hotchkiss M1887 da 37 mm
1 tubo lanciasiluri fisso da 356 mm
2 tubi lanciasiluri singoli brandeggiabili su piattaforma circolare
Equipaggio 23 di cui 1 ufficiale comandante e 21 tra sottufficiali e comuni
Disarmo 1908
Radiazione 5 luglio 1914
Destino trasformata 1914
Note tecniche Le torpediniere della classe Aquila disponevano di un timone non compensato della superficie di m▓ 1,52 dotato di servomotore.
Gli organi di governo erano alloggiati in due postazioni di manovra: una nella torretta protetta di prua, da dove si potevano usare sia la manovra a vapore che quella a mano; un'altra a centro nave, da dove si manovrava solo a mano. Ambedue le postazioni disponevano dei pi¨ importanti strumenti di navigazione.
Gli strumenti di ancoraggio erano: un'ancora da posta tipo Ammiragliato da 200 kg sull'affondatoio a prua di dritta con ammanigliate quattro lunghezze (100 m) di catena calibro 14; un'altra da 150 o 180 kg di prora a sinistra; un ancorotto di speranza da 55 o 39 kg; 100 m di cavo d'acciaio ed altre gomene di canapa di diversa misura.
Ogni unitÓ disponeva altresý di una lancia di circa 3 m, arridata in coperta a centro nave.
Note storiche La Sparviero venne iscritta nel Quadro del naviglio il 13 maggio 1888. Fu portata in Italia da equipaggio di cantiere. Giunta a Spezia, l'11  settembre 1888 venne armata.
Il 12 ottobre giunse a Gaeta per la rivista navale in onore dell'Imperatore Guglielmo II░. Il 21 ottobre assegnata alla 1¬ Divisione della Squadra permanente tornando con essa a Spezia il 1░ novembre dove pass˛ in riserva.
Il 1░ gennaio 1889 venne messa nella riserva; il 1░ luglio 1891 in disponibilitÓ. Il 4 settembre 1892 in riserva a Spezia. Il 21 luglio 1896 fu riarmata entrando nella Squadra di manovra. Il 1░ ottobre pass˛ alla Squadra attiva. Il 25 maggio 1897 torn˛ in disponibilitÓ a Spezia, dove il 17 dicembre rientr˛ nella riserva per essere messa in disponibilitÓ il 1░ febbraio 1898. Dal 3 settembre 1898 assegnata alla Squadriglia di Civitavecchia in armamento ridotto. Dal 26 luglio al settembre 1899 in armamento nella Squadra attiva, poi immessa nella Squadriglia torpediniere di 1¬ classe della Flottiglia di esercitazione. Dal 16 ottobre a Civitavecchia in armamento ridotto.
In seguito si alternarono periodi di armamento completo ad altri in disponibilitÓ, il 31 dicembre 1904 entr˛ a Spezia dove and˛ in disponibilitÓ.
Il 28 ottobre 1905, riarmata, and˛ in missione a Creta. Il 21 dicembre rientr˛ a Civitavecchia in armamento ridotto sino all'8 marzo 1906, ritornando a Creta tornando a Spezia il 23 agosto per andare in armamento ridotto.
In seguito fece brevi armamenti sino al mese di giugno 1908 per poi andare in disarmo.
Radiata il 5 luglio 1914, venne trasformata in pirobarca per il servizio nella Laguna di Venezia con la sigla P.E. 69.
Didascalia  
Foto  

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA