ARCHIVIO NAVI DA GUERRA


 

Click per ingrandire

4098 C.
7 PN

TORPEDINIERA
1912

Click per ingrandire

Epoca: anno 1928 c Fotografo: sconosciuto

Origine: Ufficio Storico della Marina Militare

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome 7 PN
Tipo torpediniera tipo Pattison per difesa costiera
Classe PN
UnitÓ prima serie:     da   1 PN a 12 PN
                         da 13 OS a 24 OS
                         da 25 AS a 32 AS
                         da 33 PN a 38 PN
                         39 RM
seconda serie: da 40 PN a 45 PN
                         da 46 OS a 51 OS
                         da 52 AS a 57 AS
                         da 58 OL a 63 OL
                         da 64 PN a 69 PN
Cantiere PN = Pattison, Napoli
OS = Odero, Sestri Ponente
AS = Ansaldo, Sestri Ponente
OL = Orlando, Livorno
RM = Regio Arsenale, Spezia
Impostazione 13 marzo 1911
Varo 18 aprile 1912
Completamento 1912
Servizio 4 luglio 1912
Dislocamento vuota 138,5 t
normale 140 t
pieno carico 157 t
Dimensioni lunghezza fuori tutto 42,50 m
larghezza 4,64 m
immersione media 1,47 m
Propulsione 2 motrici alternative verticali a triplice espansione - 3 cilindri: alta pressione ě 360 mm, media p. ě 540 mm, bassa p. ě 760 mm
2 caldaie a tubi d'acqua Thornycroft
potenza 3200 hp
2 eliche tripala in bronzo speciale tipo Stone ě 1,448 m
VelocitÓ max 29 nodi
Autonomia 800 miglia a 8 nodi
175 miglia a 27 nodi
Combustibile nafta 15 t
Protezione leggera
Armamento 1 cannone da 57/43 mm
2 tubi lanciasiluri tipo 1910/450 da 450 mm
Equipaggio 1 ufficiale e 28  tra sottufficiali, sottocapi e comuni
Disarmo nd
Radiazione 29 febbraio 1932
Destino demolita
Note tecniche Il progetto delle torpediniere classe PN fu il risultato di un bando di gara tecnico ed economico rivolto ai maggiori cantieri navali italiani.
Le prime 12 unitÓ se le aggiudicarono i Cantieri Pattison di Napoli.
Queste unitÓ, dall'ottima tenuta del mare, dalla buona velocitÓ e dal basso profilo che le rendeva invisibili di notte, si dimostrarono efficaci sia per l'offesa che per la difesa (attacchi alle grandi navi, scorta MAS e convogli, sorveglianza delle coste e dei porti, ecc).
Per la costruzione delle unitÓ successive seguirono ordinazioni a diversi altri cantieri.
Queste unitÓ furono le ultime torpediniere "classiche" della Marina.
Quelle che vennero classificate torpediniere costruite negli anni '30 furono realizzate con caratteristiche per competenze differenti.
Lo scafo era quello classico: prua dritta, murate rientranti verso la coperta, poppa tonda stellata. Scafo in acciaio duro zincato; i  paramezzali e le paratie longitudinali in acciaio dolce, ruota di prua, i bracci portaeliche de il telaio del timone in acciaio fucinato.
Note storiche La 7 PN venne iscritta nel Quadro del naviglio il 10 novembre 1910.
Consegnata il 4 luglio 1912, dopo addestramento il 23 settembre venne destinata alla Squadriglia torpediniere di Venezia. Il 1░ dicembre, iscritta nella 6¬ Squadriglia torpediniere costiere di 1¬ classe, fu utilizzata per specifiche esercitazioni.
In seguito nell'11¬ Squadriglia, trasferita a Taranto il 1░ novembre 1913. Nell'aprile 1914 partecip˛ alle esercitazioni, a cui seguirono compiti diversi: una missione in Albania, operazioni di controllo costiero e portuale e ricupero mine vaganti.
A fine 1915 rientr˛ a Venezia.
Dall'entrata in guerra sino all'8 aprile 1916 oper˛ in Alto Adriatico. Il 13 aprile, trasferita a Taranto dove, il 1░ maggio, fu aggregata alla 7¬ Squadriglia torpediniere. Il 20 agosto a Brindisi all'8¬ Squadriglia, il 15 ottobre alla 13¬. Il 25 ottobre alle dipendenze del Gruppo B dell'Armata navale e dal 15 novembre al Gruppo C, operando nel Basso Adriatico con operazioni di scorta in Albania ed allo sbarramento del Canale di Otranto. Tornata a Taranto nella 6¬ Squadriglia torpediniere costiere, nel marzo 1918 fu assegnata al Comando in capo dell'Armata del Basso Adriatico.
Dalla fine della guerra all'11 maggio 1919 servý come pilota e dragamine lungo le coste albanesi. Dall'aprile 1921 a Brindisi dove, il 6 novembre 1922 fu posta in disponibilitÓ. Dal 6 gennaio 1923 fu attiva sotto diversi comandi effettuando numerose missioni in Albania ed in porti italiani: Il 15 luglio 1927 presso la Scuola Comando di Taranto fu utilizzata per l'addestramento. Il 23 maggio 1928 durante un'esercitazione venne speronata dalla 12 PN, riportando lievi danni.
Il 1░ settembre 1929 venne iscritta nella riserva.
Venne radiata il 29 febbraio 1932 e successivamente demolita.
Didascalia  
Foto  

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA