ARCHIVIO NAVI A VAPORE


 

553 B.

ERNESTO


 
Epoca: anno 1938 c Fotografo: sconosciuto
Origine: archivio privato GioMar

autore: Marcello Bozzo  NOTE:  bozzo@agenziabozzo.it

La nave mercantile Ernesto in porto.

Venne costruita nel
1914 dal cantiere A.G. Neptun di Rostock, Germania.
Varata ad Anversa nel 1914 con il nome di
Totmes, per conto della Deutsche Dampfschifffahrts-Gesellschaft Kosmos - DDG Kosmos, bandiera tedesca.

Stazza lorda 7.259 t
Portata 11.737 t
Propulsione: 1 motrice a vapore a triplice espansione.
Potenza indicata 4.000 hp
VelocitÓ 12 miglia

Il 4 agosto 1914 la nave, appena varata, venne sequestrata dal Belgio in quanto il transito in acque olandesi fu negato dal Governo dei Paesi Bassi e la nave rimase all'ancora ad Anversa.

Dopo la caduta di Anversa in mano tedesca, la nave fu ripresa dalla Wehrmacht e riconsegnata alla proprietaria D.D.G. Cosmos.

Anche in questo caso, i Paesi Bassi rifiutarono il transito della nave nelle loro acque e la nave rimase ad Anversa sino al 1░ novembre 1918.

Al termine del conflitto la nave raggiunse Rotterdam dove venne internata.

Il 2 maggio 1919 venne trasferita in Inghilterra e nel 1920 venne ceduta alla Gran Bretagna.

Nel 1921 venne venduta alla David Steamship Co. e ribattezzata
St. Albans Abbey.

Nello stesso anno 1921 fu ceduta alla olandese Vereenigde Nederlandsche Scheepvaartmaatschappij (VNS) dell'Aia e chiamata
Arendskerk.

Nel
1935 fu venduta alla SocietÓ Italiana Ernesto Breda, Milano e ribattezzata Ernesto ed iscritta al Compartimento Marittimo di Venezia al n░ 277.

Il 7 gennaio 1941 venne danneggaiata da siluri del sommergibile olandese O-21 nel Mar Tirreno in posizione 37░08'N - 11░53'E. Portata in cantiere e riparata, riprese il mare.

Nel 1943, dopo la capitolazione italiana, la nave venne sequestrata dai tedeschi. Portata sotto bandiera tedesca, rimase in loro mani con il nome di
Ernst.

Il 21 marzo 1945 venne bombardata da aerei alleati. Colpita da due bombe, affond˛ in acque basse.

Nello stesso 1945 venne riportata a galla ed in cantiere ai lavori.

Nello stesso 1945 a fine lavori fu requisita dagli Alleati, nel 1952 la cedettero all'Armatore Enrico Insom di Roma il quale le ridiede il nome di
Ernesto.

Il 24 giugno 1954
, pesantemente danneggiata ed inondata di acqua a causa di un tifone, si aren˛ al largo di Muroran (Hokkaid˘, Giappone).

Riportata a galla per l'ultima volta, dopo aver scampato a due guerre mondiali ed a tante peripezie, venne infine ceduta alla demolizione
che avvenne nello stesso 1954 ad Osaka.

ELENCO ALFABETICO PIROSCAFI