ARCHIVIO NAVI DA GUERRA

Click per ingrandire

614 C.

VARYAG
1899
Click per ingrandire

Epoca della foto: anno 1903 c. Fotografo: sconosciuto

Origine: Archivio

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome Varyag
Tipo incrociatore corazzato
Classe Varyag
UnitÓ Varyag
Cantiere William Cramp, Filadelfia, USA
Impostazione 10 maggio 1899
Varo 19 ottobre 1899
Completamento 1900
Servizio 2 gennaio 1901
Dislocamento normale 6.400 tonn.
pieno carico 7.020 tonn.
Dimensioni lunghezza f.t. 129,54 m.
lunghezza p.p. 127,90 m.
larghezza 15,80 m.
immersione 6,30 m.
Motore origine: 2 motrici verticali alternative a triplice espansione
             30 caldaie Niclausse
             potenza 20.000 ihp
             2 eliche
rifatto: 2 motrici verticali alternative a triplice espansione
            30 caldaie Mijabara
            potenza 21.000 ihp
            2 eliche
VelocitÓ in origine 23,2 nodi
rifatta 24,6 nodi
Autonomia in origine 4.500 miglia a 10 nodi
Combustibile in origine carbone 1.350 tonn.
Protezione ponte da 38 a 76 mm.
torrione 75 mm.
Armamento origine: 12 pezzi singoli da 152 mm. / canna 45 calibri
              12 pezzi singoli da 75 mm. / canna 50 calibri
rifatto:   6 pezzi singoli da 75 mm. / canna 50 calibri
              6 tubi lanciasiluri da 455 mm.
Equipaggio permanente effettivo da 570 a 580
Disarmo //
Radiazione 1917
Destino demolita tra il 1923 ed il 1925
Note tecniche La Varyag venne costruita incorporando molte soluzioni comuni al naviglio USA, finendo per somigliare molto alle unitÓ americane.
I cannoni binati prodieri e poppieri da 152 mm. erano del tutto privi di protezione.
Note storiche La Varyag era di stazione a Port Arthur il 27 gennaio 1904 quando la flotta giapponese impose il blocco navale al porto.
Il 9 febbraio 1904 il comandante della Varyag, Capitano Rudnev, uscý con la nave per Chemulpo scortata da una torpediniera per ingaggiare il nemico.
Rapidamente colpita dai grossi calibri della giapponese Asama, ebbe notevoli danni e, non potendo pi¨ governare, il comandante diede ordine di abbandonarla ed affondarla.
Al termine del conflitto i giapponesi recuperarono l'unitÓ e la portarono in cantiere per le riparazioni al termine delle quali la inserirono nella Marina Imperiale Giapponese.
Venne utilizzata come nave scuola con il nome di Soya.
Nel gennaio 1916 la Russia doveva realizzare in fretta una squadra navale in Artico a protezione dei convogli alleati per il trasporto dei rifornimenti, vitali per le sue forze armate.
Non potendo utilizzare la squadra del Mar Baltico bloccata dai Tedeschi, nÚ quella del Mar Nero bloccata dai Turchi, l'Ammiragliato Russo corse ai ripari riacquistando le vecchie unitÓ russe catturate dal
Giappone a Port Arthur nel 1904-05, tra le quali la Soya, portandola a Vladivostok nell'aprile 1916 ribattezzata con il primitivo nome di Varyag e comandandola a Murmansk dove giunse nel novembre 1916.
Nel febbraio 1917 la Varyag giunse a Liverpool in Inghilterra necessitando di urgenti riparazioni.
Allo scoppio della rivoluzione bolscevica nel novembre 1917, essendo l'unitÓ ancora a Liverpool, venne confiscata dalle AutoritÓ Britanniche ed il 25 febbraio 1918 consegnata alla Royal Navy che la userÓ come chiatta.
Nel 1923, utilizzata come pontone, mentre stazionava fuori di Liverpool imbarc˛ acqua.
Rimorchiata su un basso fondale, vi si pos˛.
Tuttavia il costo del recupero e delle riparazioni fu considerato antieconomico e nello stesso anno il relitto fu venduto ai demolitori tedeschi per essere smantellato.
Durante il rimorchio, tra la foce del Mersey ed il Clyde ruppe il cavo di rimorchio ed il vecchio incrociatore and˛ ad arenarsi sulla costa dinanzi ad Ailsa Craig tra la Scozia e l'Irlanda del Nord.
Nel 1925 il suo relitto venne smantellato sul posto.
Didascalia  
Foto Altre immagini dell'incrociatore Varyag alle schede 909C, 910C, 3510C, 3511C.

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA