ARCHIVIO NAVI DA GUERRA


 

Click per ingrandire

4100 C.
40 PN

TORPEDINIERA
1916

Click per ingrandire

Epoca: anno 1917 c Fotografo: sconosciuto

Origine: Archivio USMM

autore: Marcello Bozzo   NOTE:    bozzo@agenziabozzo.it

Nome 40 PN
Tipo torpediniera tipo Pattison per difesa costiera
Classe PN
UnitÓ prima serie:     da   1 PN a 12 PN
                         da 13 OS a 24 OS
                         da 25 AS a 32 AS
                         da 33 PN a 38 PN
                         39 RM
seconda serie: da 40 PN a 45 PN
                         da 46 OS a 51 OS
                         da 52 AS a 57 AS
                         da 58 OL a 63 OL
                         da 64 PN a 69 PN
Cantiere PN = Pattison, Napoli
OS = Odero, Sestri Ponente
AS = Ansaldo, Sestri Ponente
OL = Orlando, Livorno
RM = Regio Arsenale, Spezia
Impostazione 12 agosto 1915
Varo 25 marzo 1916
Completamento 1916
Servizio 8 maggio 1916
Dislocamento normale 156,7 t
pieno carico 162 t
Dimensioni lunghezza fuori tutto 42,50 m
larghezza 4,64 m
immersione media 1,60 m
Propulsione 2 motrici alternative verticali a triplice espansione - 3 cilindri: alta pressione ě 360 mm, media p. ě 540 mm, bassa p. ě 760 mm
2 caldaie a tubi d'acqua Thornycroft
potenza 3200 hp
2 eliche tripala in bronzo speciale tipo Stone ě 1,448 m
VelocitÓ max 29 nodi
Autonomia 1000 miglia a 14 nodi
175 miglia a 27 nodi
Combustibile nafta 24 t
Protezione leggera
Armamento 2 cannoni da 76/30 mm
10 mine
2 tubi lanciasiluri tipo 1910/450 da 450 mm
Equipaggio 1 ufficiale e 29  tra sottufficiali, sottocapi e comuni
Disarmo 1░ novembre 1922
Radiazione 21 aprile 1927
Destino demolita
Note tecniche                            Apparato motore della classe PN
 
Tutte le torpediniere della classe PN, meno e 31 AS, 32 AS, 39 RM, 74 OLT e 75 OLT, montavano due macchine alternative verticali a triplice espansione, costruite identiche dai vari cantieri. Ambedue le macchine erano affiancate in un unico locale e ciascuna agiva su un asse: l'elica di sinistra agiva in senso antiorario, quella di dritta in senso orario. Le due linee d'asse erano lunghe 13,114 m.
Le due caldaie aprivano le bocche di fuoco su un unico locale, una a poppa (pi¨ grande) ed una a prua (pi¨ piccola). Messa in moto a vapore, servomotore Brown, invertitore Stephenson.
Per il tiraggio forzato ogni locale caldaia disponeva di un ventilatore a pale ě 1,67 m, capace di 24 m│/ora.
 
Caratteristiche delle macchine delle torpediniere della 1¬ e 2¬ serie
Pezzo Alta press Media press Bassa press Tipo materiale
Cilindri - diametro 360 mm 540 mm 760 mm Ghisa speciale fusione
Stantuffi - corsa 360 mm 360 mm 360 mm Acciaio fucinato
Asta stantuffi - diametro 68 mm 68 mm 68 mm Acciaio fucinato
Valvole distributr. - diametro 260 mm 270 mm 370 mm Bronzo
Bielle - lunghezza 760 mm 760 mm 760 mm Acciaio fucinato
Bielle - diametro 60 mm 68 mm 62 mm Acciaio fucinato

                                                                      (da Torpediniere Italiane, Valerio M. Gay, Ufficio Storico della Marina Militare, Roma 2008).
 

Note storiche La 40 PN fece le prove nel Golfo di Napoli nei mesi di marzo ed aprile 1916 dove venne consegnata alla Marina il successivo 8 maggio.
Il 21 maggio salp˛ per Venezia formando una sezione con la 46 OS.
Il 12 giugno, unita alla Zeffiro ed alla 46 OS partecip˛ alla violazione del porto di Parenzo.
Il 12 luglio a Venezia nella 12¬ Squadriglia venne utilizzata in missioni di appoggio idrovolanti, per ricognizioni e posa mine in acque nemiche.
Nel 1917 fu assegnata alla 10¬ Squadriglia torpediniere costiere a Venezia come guardacoste. A fine anno era ad Ancona a contrasto di missioni nemiche sulle coste adriatiche e ad impedirne la posa di mine.
Rientr˛ a Venezia nel 1918, dove oper˛ sino al termine del conflitto.
Il 3 novembre 1918, il giorno prima dell'Armistizio, entr˛ a Trieste con altre unitÓ del Corpo di Occupazione italiano.
Tornando a Venezia, dall'11 agosto 1919 fu utilizzata come cacciamine nell'Alto Adriatico sotto diversi Comandi, sino al 14 ottobre 1920, quando fu aggregata al Gruppo torpediniere in disponibilitÓ a Venezia.
Il 9 luglio 1921 fu inviata a Napoli restando inattiva. Il 1░ novembre 1922 venne assegnata al 1░ Gruppo torpediniere in disponibilitÓ. Il 26 gennaio 1923 inviata a Messina dove rimase in disponibilitÓ.
Il 1░ ottobre 1924 venne iscritta nel 2░ Gruppo siluranti pronte, dove rimase inattiva fino alla sua radiazione, avvenuta il 21 aprile 1927.
Didascalia  
Foto  

ELENCO ALFABETICO NAVI DA GUERRA