ARCHIVIO EX VOTO DI CAMOGLI


9.             GAVARRONE,  DOMENICO            1852

Miracolo a bordo del brigantino "Annetta" per il figlio del capitano Razeto

acquarello su carta, cm 42x49 (inv. Costa n. 18)
firmato: Domenico Gavarrone, li 9 maggio 1852

Dati anagrafici conosciuti:

   TIPO:                                          brigantino
   ANNO DI COSTRUZIONE:    1851
   LUOGO DI COSTRUZIONE:  Savona
  ARMATORE:                             Giacomo Razeto detto "u Pantalin"
   CAPITANO:                               Giacomo Razeto detto "u Pantalin"

Didascalia:

     "Bri.no Annetta - Cap.no Giacomo Razeto; - Grazia ricevuta da Emmanuele figlio del Cap.no; mentre è caduto di sopra l’Albero fino sul Ponte dei Calafatti li 13 aprile 1852"

Note:

    Come in un altro ex voto del Boschetto (cfr. scheda 45, inv. Costa 2), protagonisti sono ancora dei Razeto e ancora una volta troviamo padre e figlio a bordo della stessa imbarcazione. Era infatti estremamente frequente che nell'equipaggio fossero presenti più persone della stessa famiglia e anche che il comandante della nave fosse un parente dell'armatore e partecipasse con una quota alla proprietà.

    Gio Bono Ferrari, nel raccontare le tradizioni marittime locali nel 1935, nel suo La città dei mille bianchi velieri: Camogli (p.40), riporta che "il vecchio armatore dava in isposa la figlia al giovane e ardimentoso Capitano. E con l'offerta filiale della figlia (si sposavano a sedici anni le buone Bisnonne) c'era la offerta del comando della scuna verde o del Brick con i portelli pitturati in nero all'uso delle fregate di guerra".

    L'incidente rievocato dal dipinto, rispetto ad altri, permette una rara ambientazione più "paesaggistica" non essendo avvenuto in mare aperto: possiamo,dunque apprezzare la capacità del pittore, la cui produzione più conosciuta è data certo dalle sue scene di tempeste e uragani che nel rendere un momento di vita quotidiana all'interno del porto.

    Forse proprio attirato da questa meno frequente occasione, Gavarrone si sofferma a descrivere con minuzia come sfondo il lato occidentale del porto di Genova con l'inconfondibile Lanterna; ambienta il brigantino "Annetta" tra gli altri ormeggiati in zona e, distraendosi dalla finalità della pittura di ex voto, rende percepibile solo ad una attenta osservazione l'incidente rievocato.

    Momento di ben più concitata e spaventosa atmosfera è invece quello in cui è raffigurato lo stesso brigantino "Annetta" durante una tempesta nell'ex voto conservato presso il Santuario della Madonna di Montallegro e forse attribuibile a Giovanni Canetta (cfr. E. Carta, U. Ricci, F. M. Schiaffino, Rapallo sacra minore. Ex voto marinari del Santuario di Nostra Signora di Montallegro, Genova 1980, tav.6).

    La presenza di un brigantino camogliese nel porto di Genova non era davvero inconsueta dal momento che Camogli è stata definita "la città dei mille bianchi velieri" non certo per la presenza di questi nel suo piccolo porticciolo, ma perché camogliesi ne erano gli armatori e gli equipaggi: quelle imbarcazioni in realtà facevano in gran parte capo a Genova con una presenza così massiccia da far dire a Gio Bono Ferrari che trasformavano il porto di quest'ultima in una succursale di quello camogliese.

 
BIBLIOGRAFIA: G.B.R. Figari, Capitan Giacomo Razeto, cavaliere della Legion d'Onore (1811-1888), in "La Madonna del Boschetto", 1978 (4), pp.19-21;
F. Simonetti in "La Preghiera del Marinaio", catalogo della mostra, Roma 1992, p. 685.